Recensione (AllMyFriendzAre)DEAD – Wonders From The Grave su RockGarage

postato in: Recensioni 0

Ritornano gli (AllMyFriendzAre)DEAD che avevano conosciuto già con Hellcome(recensito da noi a questa pagina) e Black Blood Bloom (recensione invece disponibile cliccando qui): 2015, terza uscita dal titolo Wonders From The Grave. Sound coerentemente evoluto: i ragazzi difficilmente si staccheranno dal loro concetto di musica fatto di horror punk (Misfits?!) e rockabilly, produzione buona ma non troppo laccata, linee vocali grezze e tempi che emanano temperature alte. Con questo lavoro la band si allarga a sestetto ma ancora non valorizza a pieno, a nostro parere, ciò che le chitarre (in questo caso addirittura tre) potrebbero regalare. Il sound è sicuramente compatto, anche se come dicevamo non limpidissimo nella scelta dei suoni (scelta assolutamente voluta) e si preferisce questa matrice piuttosto che disegnare melodie/riff sovrastrutturare sulla base delle diversi menti che si muovono dietro le composizioni. Molti brani hanno sicuramente una matrice portante punk/rock’n’roll (come Too Old For The City e Too Young For The Hell) però l’impasto rockabilly è sicuramente prevalente (BelzeboobsToo Drunk To Fuck), la ragione d’essere del combo e il motivo per cui piaceranno a molti, sia in versione studio che in sede live.

Ogni tanto ci scappa il sapore western (Hello Spanking) ma, come accaduto anche in passato a noi colpiscono i momenti più veloci (Surf Service) che però in questo lavoro sembrano essere meno rispetto al passato e quelli che rompono gli schemi come Jackie Treehorn, quasi un occhiolino ai Calibro 35. Il fatto che non tutti i brani siano iper veloci non va visto come un elemento negativo della loro ricetta bensì come un’evoluzione, come dicevamo prima coerente con il loro sound ma maturata rispetto agli esordi. Un lavoro sudicio che piacerà agli estimatori del punk ma che sono cresciuti e hanno raggiunto la maturità ma pur sempre per gli appassionati del punk vissuto con tanto di sudore on stage. Da ascoltare a volume in fuori giri.

 

Leggi qui