Recensione Bruno & The Souldiers – Nothing To Lose su Il Terzo Lato Del Vinile

postato in: Recensioni 0
Ma come? Reggae? E’ vero che quelli del Terzo lato del Vinile pagano molto, ma a tutto c’è un limite. Forse sono su candid camera. Ma puoi darmi da recensire un progetto reggae?
Intento a cercare le parole giuste per esprimere disgusto, possibilmente con garbo, media player, complice di questa congiura alla decenza, parte senza avvertire e decido immediatamente che questa recensione s’ha da fare, perché, accedenti, “Felling of Creation”, che musicalmente sfama molto poco la mia voglia di novità, non appena entra la voce mi piace un po’. poi va avanti, e mi accorgo con sgomento che mi piace un bel po’ di più di un po’, direi proprio un bel po’ del tutto. Ha qualcosa di particolare, un grande tiro, mi verrebbe da dire. Allora penso che ne parlerò, di questo gruppo, magari sotto falso nome. Il problema è che da sotto, subdola, parte “Who Are You”, e quello ska tirato riporta i miei istinti, solo in parte disturbati dall’organo in sottofondo, verso ciò che considero casa.
Mi ci ritrovo dentro, come si suol dire, e anche “Venice”, più consueta, mi convince di avere il suo perché. Prima di entusiasmarmi troppo mi accorgo che questo progetto ha solo 4 canzoni, e tiro un sospiro di sollievo. Con rinnovato entusiasmo distruttivo, scorgo il titolo dell’ultima, “Sunny Afternoon”; con un nome così banale, mi farà almeno un po’ schifo? E Invece no. E’ il basso, principalmente, a tenere alta la mia attenzione e a farmi scuotere il capo a ritmo (un pochino eh).
Bravi Souldiers, e bravo anche Bruno. 4 pezzi, tutti belli, registrati bene, cantati da Dio, magari non rivoluzionari ma costruiti con criterio e una professionalità che non riesco a non apprezzare, nonostante tutti i miei meravigliosi pregiudizi, costruiti con fatica, negli anni. Punto forte? La voce.
Ora vedo se farmi crescere i capelli e arrastarli. Ci penso.
Ci ho pensato.
Non lo farò (ad averceli…), ma la recensione entusiastica è maledettamente meritata.
Leggi qui
Share on Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *