Recensione Bruno & The Souldiers – Nothing To Lose su RockGarage

postato in: Recensioni 0

Giovani di formazione, freschi di stile, i Bruno And The Souldiers confezionano in velocità questo EP e si presentano al proprio pubblico. Un anno di musica che ha permesso loro di girare portandoli a queste 4 tracce in bilico tra ritmi ska e dub, in alcuni frangenti più pacati e ragionati (di sponda The Bluebeaters), in altri più graffianti e ballabili. Tra i primi vi sono sicuramente l’opener Feeling Of Creations, che sicuramente ricorda i toni vocali e di basso (stra)usati da Bob Marley e Venice, con quelle tastiere che stendono un tappeto sulle ambientazioni del pezzo. Molto diversa invece Who Are You? classico brano che fa muovere le anche, un po’ come i Meganoidi che furono e che anticipa un po’ l’allegria (musicale più che di testi) di Sunny Afternoon, brano con venature pop che chiude l’EP.

Una prova interessante, che nei primi secondi ci aveva lanciato dritti negli anni 70 nel suono profondo del vinile e di quella produzione, per poi ricalibrare tutto sulla scena ska/reggae. Una proposta che trova ampi spazi di personalizzazione e che a nostro parere la band dovrebbe riempire.

 

Leggi qui
Share on Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *