Recensione “Non mi fermerò mai” su TRAKS

postato in: Recensioni 0

Si parte dall’energia di Quello che non c’è, canzone basata sul diniego e sulla natura elettrica dei suoi suoni. Altrettanto veloce e coordinata Congratulazioni, sostenuta da un continuo lavoro del basso.

L’influenza del post punk americano (Hüsker Dü su tutti) è evidente in tutte le tracce, come nella piuttosto rumorosa Semplice sfortuna. Altrettanto viva è la seguente Provo a distinguermi.

[continua…]

Leggi l’intero articolo qui